Emilia Romagna: accordi regionali di insediamento e sviluppo delle imprese

9 Novembre 2020

La Regione Emilia Romagna lo scorso 5 ottobre ha approvato il quarto bando “Attrazione degli investimenti in Emilia-Romagna” per la sottoscrizione di Accordi per l’Insediamento e Sviluppo delle imprese e ha messo a disposizione della misura circa 15 milioni di euro di risorse.

Obiettivo della misura è quello di sostenere investimenti di alta rilevanza strategica e ad elevato impatto occupazionale che comprendano, prioritariamente, attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale nelle filiere di specializzazione regionale.


Beneficiari

  • Imprese estere e nazionali non ancora insediate in regione che intendano investire in Emilia-Romagna con almeno una unità locale, da insediare entro la firma dell’Accordo
  • Imprese regionali già insediate in Emilia-Romagna.

Interventi

Il bando sostiene le seguenti tipologie di interventi:

  • interventi finalizzati alla creazione di infrastrutture di ricerca;
  • interventi di ricerca industriale e sviluppo sperimentale;
  • nuovi interventi di investimento produttivo delle PMI sul territorio regionale e delle grandi imprese solo nelle aree assistite;
  • interventi di investimento nella tutela dell'ambiente per interventi finalizzati all'efficienza energetica, alla cogenerazione, alla produzione di energia da fonti rinnovabili, interventi per il riciclo e il riutilizzo dei rifiuti;
  • interventi di formazione connessi, correlati e definiti in funzione dei fabbisogni di competenze in esito agli interventi sopra elencati e aiuti all'assunzione di lavoratori svantaggiati e all'occupazione dei lavoratori disabili.


Contributo regionale

Il contributo complessivo regionale riferito al programma di investimento non potrà superare i seguenti importi massimi, definiti rispetto all’incremento occupazionale realizzato con riferimento alla data di approvazione del presente bando:

L’importo massimo erogabile riferito a ogni programma di investimento sarà il seguente:

  • 1 milione di Euro per proposte di investimento con impatto occupazionale compreso tra 20 e 49 dipendenti addizionali (di cui almeno il 30% laureati)
  • 2 milioni di Euro per proposte di investimento con impatto occupazionale compreso tra 50 e 69 dipendenti addizionali (di cui almeno il 30% laureati)
  • 4 milioni di Euro per proposte di investimento con impatto occupazionale compreso tra 70 e 149 dipendenti addizionali (di cui almeno il 30% laureati)
  • 7 milioni di Euro per proposte di investimento con impatto occupazionale superiore ai 150 dipendenti addizionali.

L’importo minimo dell’investimento obbligatorio in Ricerca e Sviluppo è di 2 milioni di euro.

Le domande devono essere trasmesse dal 1° dicembre 2020 al 30 gennaio 2021.

Subordinatamente all’accertamento della disponibilità di risorse, è previsto l'apertura di una seconda finestra le cui date di apertura e chiusura, verranno pubblicizzate sui siti della Regione Emilia-Romagna, con almeno 30 giorni di anticipo.


Contattaci per maggiori informazioni