Rating ESG: Che cos'è e come si calcola

11 Giugno 2024

Contenuto: ARTICOLI
Servizio: Finanza agevolata Formazione Sostenibilità ESG

Nell’era della sostenibilità, il concetto di ESG (Ambientale, Sociale e Governance) sta guadagnando sempre più importanza nella valutazione dell'impatto ambientale, sociale e di governance delle aziende. Tra gli strumenti chiave per valutare l'impatto di un'azienda sul pianeta e sulla società c'è il rating ESG.


In un mondo finanziario sempre più attento alle pratiche sostenibili, comprendere e migliorare il proprio rating ESG non è solo una questione di responsabilità etica, ma una mossa strategica che può influenzare significativamente l'attrattività di un'azienda agli occhi degli investitori e delle altre parti interessate.


In questo articolo, esamineremo da vicino che cos'è esattamente il rating ESG, come viene calcolato e chi sono gli attori principali che forniscono questa valutazione.


 Che cos'è il rating ESG?

Il rating ESG valuta la capacità di un'azienda di gestire i rischi e le opportunità legati a fattori ambientali, sociali e di governance. Questo indice non è solo un termometro della sostenibilità di un'impresa, ma riflette anche quanto profondamente queste pratiche sono integrate nelle sue operazioni quotidiane. In particolare:

  • Il criterio ambientale considera l'impatto dell'azienda sull'ambiente, inclusi i consumi energetici, la gestione dei rifiuti e la conservazione delle risorse naturali.
  • Il fattore sociale esamina come l'impresa gestisce le relazioni con i dipendenti, i fornitori, i clienti e le comunità in cui opera.
  • Il pilastro della governance valuta la qualità della gestione, la trasparenza delle politiche aziendali e il rispetto per i diritti degli azionisti.


Questi fattori, combinati, offrono un quadro chiaro dell'impegno di un'azienda verso la responsabilità sociale e la sostenibilità, elementi sempre più decisivi nella scelta degli investitori.


 Come si calcola?

Il calcolo del rating ESG si basa generalmente su una combinazione di dati qualitativi e quantitativi. Ecco alcuni dei principali fattori utilizzati nel calcolo del rating ESG:

  • Inizialmente, si raccolgono informazioni dettagliate sull'azienda attraverso questionari, report di sostenibilità, dati finanziari e altri documenti pubblici.
  • Questi dati vengono poi analizzati per valutare le pratiche aziendali rispetto a una serie di standard riconosciuti a livello internazionale.
  • Le aziende vengono quindi valutate in base a una serie di indicatori specifici per ogni area, come l'efficienza energetica, le politiche di inclusione e diversità, e la struttura di governance.


Il punteggio finale è spesso rappresentato su una scala da basso ad alto rischio, indicando la resilienza dell'azienda ai rischi e la sua capacità di capitalizzare sulle opportunità correlate.


Chi fornisce il rating ESG?

Diversi enti e agenzie specializzate offrono la valutazione dei rating ESG, ciascuno con i propri criteri e metodologie. Questi fornitori analizzano una vasta gamma di dati aziendali per fornire valutazioni approfondite che aiutino gli investitori a comprendere i rischi e le opportunità legati agli aspetti ambientali, sociali e di governance di un'azienda. 

In questo contesto, il nostro servizio propone un modello di self-assessment che consente alle aziende di ottenere un punteggio ESG accurato e personalizzato, facilitando una valutazione continua e autonoma delle proprie performance di sostenibilità.


Il rating ESG è più di un semplice punteggio; è uno strumento cruciale che riflette l'impegno di un'azienda verso la sostenibilità e la responsabilità sociale. Nel mondo della finanza agevolata, comprendere e migliorare il proprio rating ESG non solo migliora la reputazione aziendale ma apre anche le porte a nuove opportunità di investimento.


Articoli Correlati

Cosa si intende per carbon footprint e perché è importante per un’azienda o organizzazione? In quest’articolo vediamo cosa misura e come calcolarla.
Il 2024 avvia la Transizione 5.0 con l'approvazione del decreto-legge che aggiorna il PNRR e delle risorse RePower EU e con l'avvio della procedura per la formazione dell'albo degli esperti che potranno certificare le attività di ricerca, sviluppo e innovazione.
La finanza sostenibile si approccia agli investimenti tenendo conto non solo dei rendimenti economici, ma anche delle implicazioni ambientali, sociali e di governance (ESG).
Il 2024 si prospetta un anno di svolta per l'industria manifatturiera, con una forte enfasi su digitalizzazione e sostenibilità. Senza dimenticare il driver che da sempre spinge le aziende a intraprendere percorsi di innovazione: la ricerca di una maggiore competitività.

Contattaci per maggiori informazioni