Parco Agrisolare, rivoluzione verde e transizione ecologica

19 Giugno 2023

Contenuto: ARTICOLO TECNICO
Servizio: Efficienza energetica MISURE NAZIONALI

La misura offre un'agevolazione di 1 milione di euro per singolo beneficiario al fine di sostenere gli investimenti per la realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica in ambito agricolo. Questi impianti dovranno essere installati sui tetti dei fabbricati strumentali all'attività agricola, zootecnica e agroindustriale.


Chi può beneficiarne?

  • imprenditori agricoli, in forma individuale o societaria;
  • imprese agroindustriali, in possesso di codice ATECO di cui all'Avviso emanato;
  • indipendentemente dai propri associati, le cooperative agricole che utilizzano il terreno per coltivare, fare selvicoltura o allevare animali. Queste organizzazioni devono utilizzare principalmente i prodotti dei propri soci e fornire loro beni e servizi essenziali per la cura e lo sviluppo del ciclo biologico.

Sono esclusi i soggetti aventi volume di affari annuo inferiore ad € 7.000,00.


Quali sono i progetti ammissibili?

Gli interventi ammissibili prevedono l'installazione di impianti fotovoltaici, con potenza di picco non inferiore a 6 kWp e non superiore a 500 kWp.

Si possono eseguire anche uno o più dei seguenti interventi di riqualificazione ai fini del miglioramento dell'efficienza energetica delle strutture:

  • rimozione e smaltimento dell'amianto (e, in caso, eternit) dai tetti: tale procedura deve essere svolta unicamente da ditte specializzate
  • realizzazione dell'isolamento termico dei tetti: il professionista abilitato dovrà fornire una relazione tecnica in cui descrive e motiva la scelta del livello di isolamento termico previsto in base alle specifiche finalità produttive dell'edificio
  • realizzazione di un sistema di aerazione connesso alla sostituzione del tetto (intercapedine d'aria)


Quali sono le spese ammissibili?

  • spese per la realizzazione di impianti fotovoltaici:
    • acquisto e posa di moduli fotovoltaici, inverter, software di gestione, ulteriori componenti di impianto;
    • sistemi di accumulo;
    • fornitura e messa in opera dei materiali necessari alla realizzazione degli interventi;
    • costi di connessione alla rete


  • spese per la rimozione e smaltimento dell'amianto e l'esecuzione di interventi di realizzazione o miglioramento dell'isolamento termico e della coibentazione dei tetti e/o di realizzazione di un sistema di aerazione connesso alla sostituzione del tetto (intercapedine d'aria):
    • demolizione e ricostruzione delle coperture e fornitura e messa in opera dei materiali necessari alla realizzazione degli interventi, fino ad un limite massimo ammissibile di € 700.00/kWp.

La spesa massima ammissibile per singolo progetto è pari a € 750.000 nel limite massimo di € 1 milione per singolo soggetto beneficiario. Per i soli sistemi di accumulo la spesa massima ammissibile non potrà superare € 50.000.

L'agevolazione varia in base alla tipologia di investimento:


Questa misura ti interessa?

Vai in fondo alla pagina e clicca sul pulsante contattaci!

Articoli Correlati

L'incentivo ha l'obiettivo di fornire sostegno e promuovere le imprese che effettuano investimenti in nuovi beni strumentali, sia materiali che immateriali, volti a favorire la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi delle strutture e dei prodotti situati nel territorio nazionale.
Arriva l'Avviso ISI Inail 2023: un'opportunità per le imprese che vogliono investire nella sicurezza dei lavoratori e nell'innovazione sostenibile. Questi investimenti mirano non solo a ridurre in modo significativo le emissioni inquinanti ma anche a migliorare il rendimento aziendale e la sostenibilità complessiva.
Affrontiamo le recenti modifiche al regime fiscale del Patent Box, introdotto dal Decreto fiscale 2021 e ridefinito dalla Legge di Bilancio 2022. Queste modifiche prevedono una significativa maggiorazione del 110% per le spese legate a Ricerca e Sviluppo, Innovazione tecnologica, design, ideazione estetica, ottenimento del titolo di privativa e tutela legale dei diritti sui beni immateriali. Tale incremento mira a favorire la deducibilità di tali spese ai fini delle imposte sui redditi e dell'IRAP.
La Commissione UE ha dato il via libera alla proposta italiana di revisione del PNRR, inclusiva dei fondi del programma RePowerEU. Questa integrazione prevede un finanziamento significativo di 6,3 miliardi di euro per il Piano Transizione 5.0 nel biennio 2024-2025.

Contattaci per maggiori informazioni