Credito d’imposta energia e gas, primo trimestre 2023

9 Gennaio 2023

Contenuto: ARTICOLO TECNICO
Servizio: MISURE NAZIONALI

Dato il continuo innalzamento dei costi dell'energia del gas la misura vuole compensare parzialmente gli extra-costi sostenuti.


Energia Elettrica

È rivolto a tutte le imprese con contatori elettrici di potenza pari o superiore a 4,5 kW e i cui costi per kWh della componente energia elettrica, calcolati sulla base della media del quarto trimestre 2022 abbiano subìto un incremento del costo per KWh superiore al 30% relativo al medesimo periodo dell’anno 2019.

Si tratta di un contributo sotto forma di credito d'imposta:

  • Per le imprese energivore l'intensità sarà pari al 45% in relazione alla spesa per l'energia elettrica prodotta ed autoconsumata nel primo trimestre 2023.
  • Per le imprese non energivore l'intensità sarà pari al 35% delle spese per l'acquisto di energia elettrica utilizzata nel primo trimestre 2023.

I crediti sono utilizzabili solamente in compensazione, entro il 31 dicembre 2023.



Gas Naturale

È rivolto a tutte le imprese!

Si tratta di un contributo sotto forma di credito d'imposta al 45% della spesa sostenuta per l'acquisto di gas naturale nel primo trimestre 2023.


I crediti sono cedibili solo per intero.

Per le imprese non energivore e non gasivore, ove la società destinataria di rifonisca dallo stesso venditore di energia e/o gas dal 2019, entro sessanta giorni dal periodo per il quale spetta il credito può richiedere al fornitore una comunicazione dove all'interno viene riportato il calcolo dell'incremento del costo e l'ammontare della detrazione spettante.


Il credito è cumulabile con altre con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale accumulo non superi  l'importo del costo sostenuto.

Questa misura ti interessa?

Vai in fondo alla pagina e clicca sul pulsante contattaci!

Articoli Correlati

L'incentivo ha l'obiettivo di fornire sostegno e promuovere le imprese che effettuano investimenti in nuovi beni strumentali, sia materiali che immateriali, volti a favorire la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi delle strutture e dei prodotti situati nel territorio nazionale.
Arriva l'Avviso ISI Inail 2023: un'opportunità per le imprese che vogliono investire nella sicurezza dei lavoratori e nell'innovazione sostenibile. Questi investimenti mirano non solo a ridurre in modo significativo le emissioni inquinanti ma anche a migliorare il rendimento aziendale e la sostenibilità complessiva.
Affrontiamo le recenti modifiche al regime fiscale del Patent Box, introdotto dal Decreto fiscale 2021 e ridefinito dalla Legge di Bilancio 2022. Queste modifiche prevedono una significativa maggiorazione del 110% per le spese legate a Ricerca e Sviluppo, Innovazione tecnologica, design, ideazione estetica, ottenimento del titolo di privativa e tutela legale dei diritti sui beni immateriali. Tale incremento mira a favorire la deducibilità di tali spese ai fini delle imposte sui redditi e dell'IRAP.
La Commissione UE ha dato il via libera alla proposta italiana di revisione del PNRR, inclusiva dei fondi del programma RePowerEU. Questa integrazione prevede un finanziamento significativo di 6,3 miliardi di euro per il Piano Transizione 5.0 nel biennio 2024-2025.

Contattaci per maggiori informazioni