Cosa si intende per Carbon Footprint e come si calcola

11 Luglio 2024

Contenuto: ARTICOLI
Servizio: Efficienza energetica Sostenibilità ESG

Nel contesto aziendale moderno, il concetto di "carbon footprint" o impronta di carbonio è diventato un elemento centrale nella strategia di sostenibilità delle imprese. Le aziende, sempre più consapevoli del loro impatto ambientale, cercano di misurare e ridurre la propria impronta di carbonio per allinearsi agli obiettivi di riduzione delle emissioni globali e per rispondere alle richieste dei consumatori e degli stakeholder. In questo articolo, esploreremo cos'è l'impronta di carbonio e come possiamo calcolarla per capire il nostro impatto sull'ambiente.


Cos'è l'Impronta di Carbonio?

L'impronta di carbonio rappresenta la quantità totale di gas serra, principalmente anidride carbonica (CO2), emessi direttamente o indirettamente da una persona, un'organizzazione, un prodotto o un'attività. Questi gas serra contribuiscono al riscaldamento globale e ai cambiamenti climatici; è per questo motivo che monitorarne e ridurne le emissioni è cruciale per la sostenibilità ambientale.


Cosa misura la Carbon Footprint di un’organizzazione?

La carbon footprint di un’organizzazione misura le emissioni di gas serra prodotte dalle nostre attività. I gas serra includono anidride carbonica (CO2), metano (CH4), ossido di diazoto (N2O) e altri gas meno comuni ma ugualmente dannosi per il clima. Questi gas intrappolano il calore nell'atmosfera, causando l'effetto serra e contribuendo al riscaldamento globale.


Misurare l'impronta di carbonio consente di individuare le principali fonti di emissione e di adottare strategie per ridurle, contribuendo a un futuro più sostenibile.

Per le aziende, questo comprende le emissioni prodotte dalle attività operative, il trasporto, la logistica e la gestione di rifiuti, nonché le emissioni derivanti dai prodotti o servizi offerti, lungo tutta la loro catena del valore.

Per esempio, quando consideriamo l'impronta di carbonio di un prodotto alimentare, dovremmo includere le emissioni derivanti dalla coltivazione, dalla trasformazione, dal trasporto, dal confezionamento e dalla distribuzione del prodotto stesso.


Queste emissioni possono essere suddivise in tre categorie principali:

  • Emissioni dirette dalle fonti possedute o controllate dall'azienda (ad esempio, caldaie, veicoli aziendali)
  • Emissioni indirette dalla generazione di energia acquistata e consumata dall'azienda
  • Altre emissioni indirette che si verificano nella catena del valore dell'azienda, come viaggi di lavoro, trasporti di merci e produzione di materie prime


In sintesi, la carbon footprint ci offre un quadro completo dell'impatto ambientale delle nostre attività quotidiane e ci consente di identificare le aree in cui possiamo migliorare per ridurre la nostra influenza sul clima.


Come calcolare la Carbon Footprint della mia azienda?

Il calcolo dell'impronta di carbonio aziendale richiede una valutazione accurata delle emissioni in diverse aree dell'azienda. Ecco alcuni passaggi fondamentali per calcolare la tua carbon footprint:


  1. Definire i confini dell'analisi:
    Determina l'ambito della valutazione, considerando le emissioni dirette (come le emissioni dai veicoli aziendali) e le emissioni indirette (come quelle derivanti dall'energia acquistata o dalla catena di fornitura).
  2. Raccogliere i dati sulle emissioni:
    Raccogli dati sulle attività aziendali che producono gas serra, come il consumo di energia elettrica, il carburante utilizzato dai veicoli, i viaggi di lavoro e i rifiuti prodotti. È essenziale utilizzare metodologie riconosciute e standardizzate per assicurare l'accuratezza dei dati.
  3. Utilizzare strumenti e standard per il calcolo:
    Per calcolare correttamente l'impronta di carbonio, è fondamentale utilizzare strumenti professionali e metodologie standardizzate. Rivolgersi a esperti con esperienza specifica nella valutazione delle emissioni può essere un grande vantaggio, affinché il calcolo sia preciso e conforme agli standard internazionali.
  4. Analizzare i risultati:
    Una volta calcolata la carbon footprint, potrai identificare le principali fonti di emissioni e adottare misure efficaci per ridurle, sviluppando strategie sostenibili.


Ridurre l'impronta di carbonio aziendale

Dopo aver calcolato il carbon footprint, il passo successivo è sviluppare strategie per ridurlo. Ecco alcuni suggerimenti pratici:


  • Efficienza energetica: Investire in tecnologie e pratiche che riducano il consumo energetico, come l'illuminazione a LED e l'isolamento degli edifici
  • Trasporti sostenibili: Ottimizzare la logistica e incoraggiare l'uso di veicoli elettrici o a basso consumo di carburante
  • Gestione sostenibile della catena di fornitura: Collaborare con fornitori che adottano pratiche sostenibili e ridurre l'uso di materiali ad alta intensità di CO2
  • Riduzione dei rifiuti: Implementare programmi di riciclo e ridurre gli sprechi nei processi produttivi


Calcolare l'impronta di carbonio è un passo essenziale per le aziende che vogliono adottare pratiche sostenibili e ridurre il proprio impatto ambientale. Le aziende possono stabilire obiettivi di riduzione delle emissioni e implementare soluzioni sostenibili, dimostrando il proprio impegno nei confronti della lotta al cambiamento climatico e della responsabilità ambientale.  Senza dimenticare che questo processo permette anche di migliorare l’efficienza operativa e la reputazione aziendale.


E tu hai già calcolato la tua Carbon Footprint? 

Scopri le tue performance in ambito ESG!

Articoli Correlati

Il 2024 avvia la Transizione 5.0 con l'approvazione del decreto-legge che aggiorna il PNRR e delle risorse RePower EU e con l'avvio della procedura per la formazione dell'albo degli esperti che potranno certificare le attività di ricerca, sviluppo e innovazione.
La finanza sostenibile si approccia agli investimenti tenendo conto non solo dei rendimenti economici, ma anche delle implicazioni ambientali, sociali e di governance (ESG).
Nell’era della sostenibilità, il concetto di ESG sta guadagnando sempre più importanza nella valutazione dell'impatto ambientale, sociale e di governance delle aziende. Tra gli strumenti chiave per valutare l'impatto di un'azienda sul pianeta e sulla società c'è il rating ESG.
Il 2024 si prospetta un anno di svolta per l'industria manifatturiera, con una forte enfasi su digitalizzazione e sostenibilità. Senza dimenticare il driver che da sempre spinge le aziende a intraprendere percorsi di innovazione: la ricerca di una maggiore competitività.

Contattaci per maggiori informazioni